Cambiare lavoro: come affrontare i primi mesi in una nuova azienda

Sei riuscito ad ottenere il posto di lavoro che desideravi? Probabilmente la ricerca è stata impegnativa, hai valutato gli annunci di lavoro selezionati dalle agenzie di selezione più accreditate come Risorse e hai presentato un curriculum vincente, hai sostenuto un ottimo colloquio e ora è il momento di dare prova del tuo valore.

Il primo periodo in una nuova azienda è denso di aspettative e ricco di opportunità irrinunciabili per i numerosi professionisti che scelgono di cambiare lavoro nell’anno in corso: secondo la ricerca “What employees expect in 2021, realizzata da IBM Institute for Business Value (IBV), una persona su quattro si dichiara pronta a lanciarsi in una nuova avventura professionale.

L’entusiasmo per il nuovo incarico ti spinge a voler imparare tutto in fretta e bene, ma i primi mesi in azienda devono essere affrontati con lucidità, nella consapevolezza che saranno oggetto di osservazione e valutazione.

Quali sono i comportamenti da tenere per fare una buona impressione e affrontare al meglio i primi periodi nella nuova azienda?

Arriva puntuale: studia in anticipo il tragitto per raggiungere il posto di lavoro, la facilità di parcheggio o la frequenza dei mezzi pubblici che dovrai prendere. Arrivare con qualche minuto di anticipo ti permetterà di allentare la tensione e di scambiare qualche parola con i nuovi colleghi.

Presentati: nel nuovo posto di lavoro solitamente si viene presentati dal proprio superiore o da colui che seguirà la nostra formazione, ma oltre alle occasioni “ufficiali” esistono momenti di incontro imprevisti, nei quali è bene presentarsi autonomamente a colleghi e collaboratori, cercando di memorizzare il loro nome e il loro ruolo. 

Ascolta e osserva chi ti circonda: in un nuovo posto di lavoro si apprende da tutti, indipendentemente dal ruolo ricoperto, ogni persona nelle prime settimane di lavoro sarà per te fonte di conoscenza. Osserva come lavorano gli altri, non rimanere concentrato esclusivamente su te stesso, ma apprendi da ciò che accade intorno a te.

Definisci gli obiettivi: a breve e medio termine direttamente con il tuo superiore o referente: non esitare a porre domande riguardo alle aspettative che si ripongono in te e al tuo ruolo già nelle prime settimane.

Impara dai migliori: non esitare a chiedere al tuo superiore quali sono i colleghi più esperti o più brillanti ai quali fare riferimento. Lasciati ispirare dall’approccio al lavoro e dai metodi che queste persone hanno acquisito e costruisci il tuo bagaglio seguendo le loro orme. Individua le persone più affidabili alle quali chiedere aiuto. Prendi nota di tutti quei dettagli che in una prima fase è complicato tenere a mente: dai passaggi per il completamento di una procedura, agli step da seguire in ciascuna attività. Il tuo block notes con gli appunti presi durante i primi giorni di formazione e affiancamento ti accompagnerà nelle prime settimane ed eviterà di dover tornare su argomenti già trattati o dati per acquisiti dal tuo tutor.

Segui le regole non scritte: adeguati al contesto e segui quelle piccole regole di “etichetta” condivise dal gruppo nel quale ti stai inserendo. Tutte le procedure consolidate, le priorità assegnate per consuetudine all’attività giornaliera, le dinamiche più o meno confidenziali nelle relazioni interpersonali, rientrano tra queste piccole regole che, se violate, non giocano a favore del nuovo arrivato!