Le Professioni del futuro

Secondo il Rapporto Annuale dell’ISTAT, in Italia i giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni non seguono un adeguato percorso di formazione rispetto alle trasformazioni del mercato del lavoro e alle nuove competenze richieste in ambito tecnologico, con particolare attenzione all’intelligenza artificiale, alla robotica e alla  cyber security.

Studenti, giovani e lavoratori che si affacciano al mondo del lavoro, si devono preparare alle future sfide, iniziando sin da subito un percorso di formazione incentrato sulla tecnologia e sul digitale.

Su quali aspetti si può focalizzare la formazione?

  • tecnologia e digitale nelle scuole: i ragazzi devono imparare ad utilizzare nuovi dispositivi;
  • dati e informazioni: è necessario insegnare a gestire considerevoli mole di dati attraverso la semplificazione derivante dai nuovi media;
  • creazione di ambienti virtuali: è utile imparare un nuovo metodo di pensare e ragionare, volto il più possibile al problem solving;

Il principio fondamentale che bisognerebbe insegnare agli studenti di oggi è quello di un nuovo “mindset”. Per essere pronti a qualsiasi sfida lavorativa è fondamentale seguire un percorso di formazione continua “long life learning”: non smettere mai di aggiornarsi ed imparare ogni volta nuovi strumenti per affrontare qualsiasi trasformazione ci si presenti.

I mestieri del futuro possiamo solo immaginarli, ma non possiamo prevedere quali strade prenderà il progresso. Dieci anni fa nessuno avrebbe mai pensato che YouTuber, Web Influencer o Social Media Manager, sarebbero potute diventare delle professioni.

Le Professioni del futuro

Non aspettare, candidati ora!

Invia CV